Comunicato stampa – Cambiamenti climatici, M5S: Renzi non sprechi i negoziati di Parigi e porti l’Italia tra i protagonisti di un cambiamento epocale

Comunicato stampa – Cambiamenti climatici, M5S: Renzi non sprechi i negoziati di Parigi e porti l’Italia tra i protagonisti di un cambiamento epocale

Con la solita faccia tosta Renzi si prende i meriti della parte sana di questo Paese, quella che fa il suo nella lotta ai cambiamenti climatici. Ma il merito è tutto di quegli imprenditori, di quei cittadini, di quelle associazioni che in questi anni si sono dati da fare per contrastare l’aumento delle emissioni di CO2, nonostante gli ostacoli posti dalla politica.

Caro presidente del Consiglio, sei tu che hai voluto e che difendi l’articolo 38 del cosiddetto Sblocca Italia, quello delle trivelle libere e indiscriminate; quello che impoverisce i territori e rappresentano un pericolo per l’ambiente e la salute dei cittadini. Sei sempre tu che colpisci lo sviluppo dell’efficienza energetica rifiutandoti di stabilizzare l’ecobonus al 65% fino al 2020.

Sono le istituzioni controllate dal tuo governo a riformare le tariffe di rete, proiettandoci in un buio futuro di maggior consumo e spreco di energia a danno delle famiglie più povere.
È il tuo esecutivo che mina la stabilità delle fonti rinnovabili, ostacolando la loro applicazione e quindi i benefici, favorendo invece solo i colossi dei combustibili fossili.

Con che coraggio oggi il premier viene a dirci che i politici fanno la loro parte? La politica ha campato di rendita, sfruttando quell’Italia sana che si arrabatta per creare le condizioni di uno sviluppo sostenibile.
Il settore verde oggi è al collasso, lo vediamo tutti. Le imprese hanno bisogno di azioni concrete. Così come il clima.

È di ieri la triste notizia che l’Italia detiene il record europeo per morti prematuri da inquinamento.
Insicurezza energetica, sfruttamento delle fonti fossili, iper-consumo di energia, polveri sottili, sono tutti elementi che favoriscono i cambiamenti climatici, non li combattono.
Dov’è la politica industriale tanto decantata dal governo? Il nostro Paese attende un Green Act solo annunciato, una delle tante promesse non mantenute.

Caro presidente del Consiglio, il Movimento 5 Stelle auspica che Parigi non sia l’ennesima occasione sprecata. E che la politica faccia davvero la sua parte, portando l’Italia tra i protagonisti di un cambiamento epocale. Il Cop21 rappresenta una speranza per milioni di persone (non solo italiani).

Siamo al limite del suicidio sostiene Papa Francesco. Un clima malato genera un esercito di nuovi poveri: 100 milioni, secondo le stime Onu. Il futuro e la salute di 500 milioni di bambini (è l’Unicef a dirlo) è nelle mani dei negoziatori di Parigi, tra cui c’è anche l’Italia. Per loro, che sono il nostro domani, si trovi una soluzione prima che sia troppo tardi.