Archivio Post per 30 settembre 2016

I posti di lavoro del futuro non inquineranno

Di |

I posti di lavoro del futuro non inquineranno

Negli ultimi 50 anni abbiamo creato posti di lavoro a fortissimo impatto ambientale, ora per i prossimi 50 dobbiamo crearli puliti e a tutela della salute. Noi siamo pronti   La politica in generale – e anche il M5S – deve confrontarsi con decisioni che possono comportare direttamente o indirettamente degli ostacoli per determinate categorie…

Read more »

Referendum costituzionale: ecco come votare dall’estero

Di |

Referendum costituzionale: ecco come votare dall’estero

Chi studia o lavora temporaneamente fuori Italia, o chi è all’estero per cure mediche, può comunque votare al referendum costituzionale previsto per il 4 dicembre. E può farlo anche se non è iscritto all’AIRE. Il diritto è esteso anche ai familiari con loro conviventi. Basta compilare l’apposito modulo (scaricatelo qui), che andrà poi inviato per posta, per telefax, per…

Read more »

Nucleare, la maggioranza sceglie direttore Isin senza competenze previste dalla legge

Di |

Nucleare, la maggioranza sceglie direttore Isin senza competenze previste dalla legge

Il 28 settembre in commissione Industria il Movimento 5 Stelle ha ribadito il proprio NO alla scelta del governo di nominare l’ennesima personalità senza competenze scientifiche previste per legge a capo dell’Ispettorato nazionale per la sicurezza nucleare e la radioprotezione (ISIN). Da oltre un anno ci battiamo per avere un nome qualificato e compatibile per…

Read more »

Il clima sotto scacco della Polonia. Ratifica accordo di Parigi in bilico

Di |

Il clima sotto scacco della Polonia. Ratifica accordo di Parigi in bilico

Dopo la ratifica dell’accordo di Parigi annunciata poche settimane fa da USA e Cina, l’UE si è “scoperta” in ritardo nel processo. L’accordo infatti entrerà in vigore 30 giorni dopo la ratifica di 55 Paesi che rappresentino il 55% delle emissioni globali. Finora 61 Paesi, per un totale del 47,9% delle emissioni, hanno siglato l’accordo….

Read more »

Rai: parte dal M5S la proposta trasversale per salvare l’informazione ambientale

Di |

Rai: parte dal M5S la proposta trasversale per salvare l’informazione ambientale

ROMA, 28 settembre 2016 – “Maggiore attenzione all’informazione ambientale che il nuovo corso Rai sta mettendo all’angolo, chiudendo programmi divulgativi e culturali di indiscusso valore. Chiediamo un intervento sia all’azienda che al ministero perché ad essere messa in discussione è la stessa mission del servizio pubblico”. Così in una nota congiunta i parlamentari del MoVimento…

Read more »

IL PUNTO DELLA SETTIMANA

Di |

IL PUNTO DELLA SETTIMANA

Nel video alcuni spunti di riflessione su edilizia sostenibile, mercato dell’energia, irregolarità del governo sulla gestione delle scorie nucleari e naturalmente un invito ad incontrarci tutti a Italia 5 Stelle a Palermo il 24 e 25 settembre.

Read more »

Nucleare: M5S, Governo nomina direttore ISIN senza i requisiti

Di |

Nucleare: M5S, Governo nomina direttore ISIN senza i requisiti

Roma, 22 sett. “L’avvocato Pernice non ha i requisiti previsti dalla legge per essere nominato direttore dell’ISIN (Ispettorato Nazionale Sicurezza Nucleare) così come proposto dal Ministero dell’Ambiente, la sua candidatura non ci trova favorevoli” lo sostengono in una nota i senatori del M5s Paola Nugnes e Gianni Girotto delle commissioni Ambiente e Industria del Senato….

Read more »

Comunicato stampa – Consulenze poco trasparenti e conflitti d’interessi al Ministero per lo Sviluppo

Di |

Comunicato stampa – Consulenze poco trasparenti e conflitti d’interessi al Ministero per lo Sviluppo

Roma, 20 set – “Ci risulta che un’azienda americana – la Arthur D. Little, in contatto con l’ex commissario alla spending review del governo Monti, Enrico Bondi – abbia partecipato ad una serie di incontri informali al Mise sulla riorganizzazione della pubblica amministrazione senza alcun incarico ufficiale. Non c’è, infatti, traccia di alcun bando pubblico…

Read more »

Le strategie europee sul gas sono in conflitto con gli obbiettivi di lotta al cambiamento climatico

Di |

Le strategie europee sul gas sono in conflitto con gli obbiettivi di lotta al cambiamento climatico

Uno degli effetti immediati, e meno sottolineati, della Brexit, è stato quello di bloccare il processo di ratifica degli accordi di Parigi sul clima del dicembre 2015 da parte degli Stati membri UE. L’uscita di Londra, infatti, implica una nuova ripartizione degli impegni nazionali di riduzione delle emissioni climalteranti tra i rimanenti 27 Stati, nell’ambito…

Read more »