Dialogo con le Aziende, Energia e autoconsumo: “Opportunità storica e imperdibile per il Paese per coniugare crescita economica, innovazione, sostenibilità energetica, ambientale e sociale”

Dialogo con le Aziende, Energia e autoconsumo: “Opportunità storica e imperdibile per il Paese per coniugare crescita economica, innovazione, sostenibilità energetica, ambientale e sociale”

Energia ed Autoconsumo: “Opportunità storica e imperdibile per il Paese per coniugare crescita economica, innovazione, sostenibilità energetica, ambientale e sociale”
Il Presidente della Commissione Industria del Senato il prossimo venerdì 15 febbraio sarà in missione nel Veneto, per un sopralluogo alle attività produttive vicentine Equipaggiamenti Elettronici Industriali Spa e Midac Batteries Spa

Roma, 13 febbraio 2019 – “Il diritto all’autoproduzione, all’autoconsumo e all’accumulo di energia elettrica, riconosciuto dalla Direttiva UE Rinnovabili, sono un’opportunità storica e imperdibile per l’Italia di sviluppare azioni incisive e lungimiranti volte a coniugare efficacemente la crescita economica e lo sviluppo dell’innovazione tecnologica con la sostenibilità energetica, ambientale e sociale”. Queste le parole del Presidente della Commissione Industria Senato, Gianni Pietro Girotto, che il prossimo venerdì 15 febbraio sarà in missione in Veneto, per un sopralluogo agli impianti produttivi di sistemi per gestione e accumulo di energia delle società Equipaggiamenti Elettronici Industriali Spa e Midac Batteries Spa, due realtà da anni operative sul territorio.

Nello specifico, la Equipaggiamenti Elettronici Industriali Spa è un’azienda impegnata, tra le altre cose, anche nello sviluppo di smart grid, per gestire in modo efficace i flussi di energia tra produttori e utilizzatori di energia (utenti finali domestici, utenti industriali, fonti di energia programmabili e non programmabili, sistemi di storage); la Midac Batteries Spa, invece, è una realtà industriale leader in Europa nella produzione di batterie per l’avviamento, la trazione e stazionarie.

Secondo quanto sostenuto da Girotto, l’autoproduzione di energia elettrica da fonti rinnovabili e l’autoconsumo in loco anche attraverso reti private potranno avere un ruolo di crescente importanza per il raggiungimento degli obiettivi europei sul clima e l’energia al 2030. Sarà necessario, però, non solo creare le condizioni affinché i consumatori, anche in forma collettiva, possano generare e accumulare energia per il loro consumo, ma anche produrre una adeguata normativa di riferimento. “L’Italia può essere protagonista con le sue industrie, ma occorre iniziare una trasformazione profonda del sistema elettrico nazionale – continua Girotto – fondato sul presupposto ormai obsoleto della generazione centralizzata di energia. Il mio impegno è rivolto quotidianamente a questa trasformazione, affinché avvenga in tempi rapidi e con una trasposizione coerente della Direttiva UE”.

I vantaggi legati a questa transizione energetica, ne è convinto Girotto, comprendono non solo la riduzione del costo dell’energia e il conseguente aumento della competitività delle imprese, ma producono anche benefici indiretti a sostegno della filiera industriale sull’efficienza energetica. Per questo, l’azione del Parlamento è chiamata a sostenere tale processo, analizzando, valutando e risolvendo gli aspetti critici di carattere legislativo, normativo e regolatorio ancora presenti nell’attuale quadro regolamentare che disciplina l’autoproduzione e l’autoconsumo di energia, sia in ambito manifatturiero e del terziario, sia in ambito residenziale.

“A fine 2016 – aggiunge Girotto – in Italia la produzione annua netta di energia prodotta da impianti di generazione distribuita (GD) rinnovabile e consumata in loco ammontava a 4,2 TWh. In base ai nuovi obiettivi comunitari al 2030, tale quantitativo dovrà quantomeno essere quintuplicato, fino ad arrivare ai 20 TWh annui”. In questo quadro che traguarda le sfide per il prossimo futuro, le attività produttive impegnate nella filiera della green energy svolgeranno un ruolo strategico di fondamentale importanza, quali catalizzatori e motori del cambiamento.

Altro aspetto da tenere presente sarà l’avvio tempestivo, anche in forma sperimentale, delle Comunità Energetiche rinnovabili (CER), aggregazioni di utenti (cittadini, enti locali e piccole media imprese) che si associano per la produzione, l’accumulo e il consumo di energia in forma aggregata. “L’energia prodotta dalle CER – spiega Girotto – potrà essere consumata direttamente dai soci che hanno partecipato con la propria quota all’investimento per la produzione degli impianti. La CER permette ai cittadini e agli enti locali di garantirsi l’approvvigionamento di energia elettrica autoprodotta, senza essere soggetti ai rischi e ai costi derivanti dalla variabilità del prezzo dell’energia. In ragione poi del loro radicamento sul territorio, le CER possono sostenere meccanismi di solidarietà per l’approvvigionamento di energia ai cittadini più indigenti. Il fatto, infine, che l’energia prodotta dalla CER sia trasferita a molti soggetti con caratteristiche di consumo diverse, risolve uno dei maggiori ostacoli attuali alla diffusione dell’autoconsumo”.

La Commissione Industria del Senato in merito al tema dell’autoconsumo ha un affare assegnato sul sostegno alle attività produttive mediante l’impiego di sistemi di generazione, accumulo e autoconsumo di energia elettrica.

Per maggiori informazioni:
CONSULTA L’AFFARE ASSEGNATO SULL’AUTOCONSUMO