X

Comunicato stampa – Infrastrutture, M5S: Governo senza strategia va a tutto gas, tanto paga Pantalone

Roma, 23 novembre “La maggioranza ha stravolto il testo della direttiva europea sulle infrastrutture per i combustibili alterativi (DAFI), imponendo una visione poco lungimirante e del tutto sbilanciata verso la tecnologia a gas. Lasciando indietro ancora una volta la mobilità elettrica e sostenibile, che è stata relegata in uno spazio di marginalità. Si naviga a vista, col solo risultato invece di favorire le fonti fossili. Per tali ragioni abbiamo presentato in Commissione Industria un nostro parere di minoranza e votato contro il parere della maggioranza ” È il duro commento del senatore del Movimento 5 Stelle Gianni Girotto a margine del voto del provvedimento in Commissione Industria.

“L’opzione principale che questo testo prende in considerazione è la tecnologia GNL e GNC, per le quali vengono fornite molteplici semplificazioni procedurali – spiega Girotto -. In particolare con l’articolo 9 del decreto si dà via libera alla costruzione di nuove infrastrutture di rigassificazione e stoccaggio sul territorio nazionale, prevedendo come infrastrutture strategiche quelle di stoccaggio di GNL, connesse o funzionali all’allacciamento e alla realizzazione della rete nazionale di trasporto del gas naturale. “In questo modo – attacca il pentastellato – l’Italia si appresta a diventare una succursale degli interessi delle grandi aziende gasiere d’oltreoceano. Ci prepariamo a diventare hub del gas nel Mediterraneo. Con l’aggravante che i costi per gli investimenti in infrastrutture gasiere verranno scaricati sulle spalle dei consumatori. Il rischio, indicato puntualmente in audizione dall’Autorità per l’Energia, è quello di creare impianti inutili, che nessuno di noi utilizzerà mai ma che comunque ci toccherà pagare di tasca nostra.

Ma c’è di più – conclude Girotto -. Questa decisione, che dovrebbe avere una visione strategica ai fini degli obiettivi generali di politica energetica nazionale, viene assunta in assenza di qualsiasi analisi costi/benefici fatta da un soggetto terzo e indipendente. Si va dunque nella direzione opposta alle indicazioni contenute nella strategia europea tracciata nel Libro Bianco dei Trasporti. Segnando l’ennesimo punto in contraddizione alla lotta ai cambiamenti climatici e nella creazione di nuovi posti che una visione strategica orientata alla decarbonizzazione del sistema produttivo del Paese potrebbe creare”.

Condividi questo articolo
Condividi su telegram
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email